LEO: è facile far rispettare il distanziamento

Articolo striscia la notizia

LEO: facile far rispettare le distanze

Attenzione puntata su tecnologia e assoluta semplicità di utilizzo 

Il distanziamento sociale sarà il mantra del prossimo futuro, non un’esigenza limitata alla situazione attuale di gestione dell’epidemia di Covid-19, così riporta in un suo articolo anche Il Sole 24 Ore (29 aprile 2020).

Nell’immediato, per molte attività aperte al pubblico, oggi questo si è tramutato di fatto in un nuovo obbligo legato alla sicurezza e ad un nuovo modo di vivere gli spazi comuni.

Diverse sono le soluzioni proposte dal mercato per aiutare le persone a gestire questa nuova quotidianità e nella scelta l’utente dovrà sicuramente valutare pro e contro di ogni proposta.

LEO si presenta come una soluzione tanto semplice quanto avanzata tecnologicamente, che proprio per queste sue caratteristiche ha attirato l’attenzione di diverse testate editoriali.

Da Mondo e Finanza a StartupItalia, passando per Il Sole 24 Ore, è stata sottolineata l’idea innovativa di questo piccolo concentrato di tecnologia, che utilizza l’Intelligenza Artificiale e algoritmi di Machine Learning, rendendoli disponibili in un dispositivo stand-alone semplice e subito attivo.

LEO è in grado di segnalare automaticamente l’eventuale mancanza della distanza minima tra le persone, senza registrazioni e senza la conseguente gestione della privacy.

Anche Striscia La Notizia ha deciso di interessarsi a LEO, dandogli spazio in questo servizio e descrivendo LEO come una valida e immediata soluzione alla questione del controllo del distanziamento sociale. 

Non barriere tra persone, ma semplice rispetto delle distanze di sicurezza a cui si possono educare le persone grazie ad un innocuo segnale acustico e visivo.

Vuoi scoprire di più sul funzionamento di LEO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *